Lontani dalla retta via.

Lontani dalla retta via.

1472 982 Confindustria Bergamo EVOLVE

Heydar Aliyev Center: l’opera di Zaha Hadid sconfina in uno spazio fluido.

arch2o-zaha-hadid-heydar-aliyev-center-hac_exterior_photo-by-huftoncrow-2

heydar-aliyev-center-007 Riconosciuto come uno dei massimi capolavori al mondo nel campo dell’architettura, l’Heydar Aliyev Center è un punto di riferimento architettonico nella Baku moderna, simbolo dell’Azerbaijan di oggi. Il complesso di 101.801 mq ospita una sala con ferenze con tre auditorium, una biblioteca e un museo, ed è destinato a svolgere un ruolo chiave per la rigenerazione sociale e intellettuale della capitale. Questo sinuoso organismo architettonico rompe i legami con la rigida architettura sovietica diffusa a Baku, aspirando a esprimere la sensibilità della cultura azera e l’ottimismo di una nazione che guarda fiduciosamente al futuro.  Le vorticose forme geometriche e lo stile curvo, fluido e poetico,dominano nel progetto architettonico firmato da Zaha Hadid, musa ispiratrice dell’architettura del XXI secolo.
zaha_hadid_cultural_center_renderings03

mainLa firma stilistica appare chiaramente nella smaterializzazione dei confini tra oggetto architettonico e paesaggio urbano, involucro edilizio e piazza urbana, interno ed esterno. Onde, pieghe, inflessioni modificano la superficie in un paesaggio architettonico che assicura una serie di funzioni: accoglie, abbraccia e indirizza i visitatori attraverso i diversi livelli di lettura dello spazio. Per realizzare questo avveniristico progetto – definito uno spazio strisciante – sono stati utilizzati 230 metri cubi di quercia bianca americana, che ben si prestavano ad interpretare le fantasie coraggiose dell’Archistar irachena, morta prematuramente il 31 marzo scorso. La regina delle curve ha raccolto la sfida di ergere un edificio che pare in costante movimento, che sembra quasi emergere dal suolo, convivendo armonicamente con il paesaggio naturale di Baku. Un progetto al limite dell’onirico, in bilico tra utopia e immaginazione, che pare essere uscito da un mondo non reale, ma che ritrova concretezza con il riconoscimento del London Design Museum award nel 2014.South elevation