Apple Campus 2, tra architettura sostenibile ed empatia degli spazi.

Apple Campus 2, tra architettura sostenibile ed empatia degli spazi.

Apple Campus 2, tra architettura sostenibile ed empatia degli spazi.

1280 720 Confindustria Bergamo EVOLVE

Un edificio circolare, a forma di nave spaziale era ben delineato nella visione di Steve Jobs: un anello immerso in 71 ettari di verde progettato dallo studio Foster + Partners per un’architettura in versione 2.0.

9 piani circolari, articolati su 712 mila metri quadrati, lo stesso spazio occupato da oltre 100 campi da calcio regolamentari, per accogliere 12 mila persone. Il progetto per il nuovo campus Apple era stato presentato dallo stesso Jobs nel giugno del 2011, quattro mesi prima della sua morte.


apple-campus-2-sara-pronto-per-2017-v2-256541-1280x720

Immaginando la futura sede del quartier generale della Apple, Steve Jobs posava il suo sguardo innanzitutto sui materiali e sulle tecniche di installazione, ma anche sulle dinamiche di fruizione dell’edificio. Strutturato in maniera da favorire l’interazione tra i dipendenti, la nuova sede ospiterà una palestra (9mila metri quadrati di palestra, così che lo spirito di team building non venga mai meno), una nursery, un Apple Store, diversi bar e un ristorante da duemila posti, spogliatoi, docce, lavanderie e spazi per esercizi ginnici di gruppo. 28mila metri quadrati, isolati da qualsiasi tipo di occhio indiscreto, saranno gli spazi dedicati alla ricerca e allo sviluppo. Ma il vero gioiello tecnologico sarà rappresentato dall’auditorium, sotterraneo e collocato in posizione centrale, all’interno del quale Apple presenterà i nuovi prodotti, organizzerà conferenze e incontri, accogliendo oltre mille persone.applrend19-1
Il progetto del Campus segue una politica di sostenibilità: produrrà in proprio tutta l’energia che consumerà, grazie a pannelli solari e pompe di calore.
Anche nel parcheggio c’è grande attenzione al rispetto per l’ambiente: le pareti saranno ricoperte di piante, per abbattere gli agenti inquinanti emessi dalle auto. Nel garage ci sarà posto per migliaia di auto, in superficie sono previsti solo sentieri pedonali e piste ciclabili. All’interno del apple-v1-459341campus, infatti, ci si muoverà perlopiù in bici. Solarium e fontane: così sarà il cortile interno dell’edificio, perfetto per brevi pause ma anche per i picnic. Buona parte della porzione di territorio all’interno del grande cerchio sarà occupata da una vera e propria foresta – 8 mila alberi di 37 varietà diverse– per vivere appieno il contatto con la natura, perché nell’immaginario di Jobs questo luogo avrebbe dovuto essere una sorta di paradiso, in cui facilitare la ricerca di ispirazione e alimentare la creatività.
E non importa quando potremmo salire a bordo di questa futuristico disco volante, quanto tempo ci vorrà. Tratteniamo il fiato, in attesa di essere nuovamente stupiti da quella che potremmo definire la nuova, attesissima, odissea dello spazio.